Get Adobe Flash player
Facebook500px.com1x.comFeed RSS

abruzzo

Il governo e le prime case in Abruzzo…

E’ da un po’ di tempo che rifletto su quanto è stato detto finora sul grande lavoro “del governo italiano” per ridare una casa alle popolazioni dell’Abruzzo; e mi sono sempre chiesto come mai si parlasse sempre dei meriti di Berlusconi anziché menzionare chi ha veramente fatto qualcosa per far sì che gli abruzzesi colpiti dal terremoto tornassero a vivere una vita normale.
Questa mattina, guardando una trasmissione locale, ho avuto la conferma dei miei sospetti: Berlusconi aveva promesso la consegna delle prime case per settembre e così è stato. Peccato che i meriti non siano né del presidente del consiglio, né tantomeno del suo governo. Le prime case, consegnate a metà settembre ad Onna, in tempo record, sono una donazione della Provincia di Trento che ha stanziato oltre 5 milioni di euro allo scopo. Pare peraltro che il giorno della consegna, alla presenza di Berlusconi e del Presidente della Provincia Delai, le bandiere del Trentino siano state fatte sparire. Certo… altrimenti come avrebbe fatto il cavaliere a prendersi il merito di quel successo?

Ecco qualche stralcio di un articolo apparso su Repubblica

Naturalmente il premier italiano si gongola: «Era una promessa ardita ma l’abbiamo mantenuta. Speriamo che servano solo per poco tempo, ma queste case sono case dotate di tutto – ha aggiunto il premier – di ogni ben di Dio. C’è anche il sapone, la carne e le coperte. C’è proprio tutto».
Ma in realtà il governo con la promessa c’entra poco o nulla: «Novantatre “moduli abitativi”, fabbricati in legno, […] pagati 5.2 milioni di euro ricevuti dalle donazioni alle Croce Rossa, fabbricati in Trentino e montati in Abruzzo dal personale della Protezione civile della Provincia autonoma di Trento. “Nulla a che fare con il progetto-case del governo. Le cosiddette case di Berlusconi, le Newtown come le ha chiamate il premier – ha detto Anna Finocchiaro, presidente del gruppo del Pd al Senato – accoglieranno invece 4.500 nuclei familiari ma saranno completate entro dicembre”».
E il Presidente Delai commenta così: «E’ tutto il giorno che cerco di buttare acqua sul fuoco. Anche io ho qualcosa da dire del modo un po’ sovraesposto con il quale il governo sta gestendo la consegna della case. Butto acqua sul fuoco per non coinvolgere la protezione civile in polemiche politiche, noi non siamo in Abruzzo contro o a favore del governo, ma per gli abruzzesi».

Insomma… siamo alle solite. Ma non dateci peso, mi raccomando: quello che scrivo «è tutto il contrario della realtà!» :devil_catt:
Meditate gente, meditate…

Archivio articoli

Creative Commons License

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons. Le immagini di questo sito possono essere utilizzate gratuitamente, per scopi senza fini di lucro, dietro semplice richiesta via mail, oppure acquistate su iStockphoto.